Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità; illustrate nella cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti alluso dei cookie.

QUINTOSOL PRODUCTION

i nostri spettacoli per voi

quinto sol spettacolo sicilia palermo evento produzione audio cd musica cabaret danza magia illusionismo Tatangelo Belli Megrè caccamo iurato steva vaCarlo Kaneba nasce artisticamente dodici anni fa, quasi per gioco. A quei tempi era proprietario di un locale, l’attuale Drag Queen, nel quale si proponevano spettacoli di trasformismo, spinto da questi show decide di  buttarsi nel mucchio, facendo spettacolo in prima  persona. Crea un  duo ”Le Vipere” che lo porta ad iniziare una carriera artistica che lo vedrà protagonista in diversi locali della  Sicilia.

La dote primaria di Kaneba è quella di possedere una verve comunicativa non comune, la sua è  una comicità genuina capace di dar vita a mille gag esilaranti. Stimolato da quest’inizio promettente, Kaneba diventa  anche autore dei testi di “Femmine per caso”. Il successo è alle porte, il duo cresce in maniera straordinaria, gira diversi teatri e viene ospitato su “Italia1” nei programmi “Tempi Moderni” e “8mm”. Nel 2001, da solo, partecipa e vince una puntata della trasmissione “La sai l’ultima?”, giungendo poi al terzo posto nella puntata finale del programma.  Sarà poi il 2004 ” a consacrarlo al successo sia con la stagione televisiva di “Insieme” che con il premio “Maugeri-Amenano D’Argento 2004” conferitogli  per la sua singolare capacità eclettica di trasformarsi in mille personaggi e per la sua intensa e ricca personalità.

Come nasce artisticamente Carlo Kaneba?

Nasce per caso. In passato avevo aperto un locale, nel quale la sera venivano dei ragazzi a fare degli spettacoli, vedendo questi show, a dir poco pietosi, ho pensato che se li facevano loro, avrei potuto farli anche io e magari un po’ meglio. Quindi ho iniziato con l’idea di giocare e divertirmi un po’ e, poi, continuando ho imparato ad amare questo mestiere.